Missione d'Amore - I Messaggeri di Pace

Vai ai contenuti

Menu principale:

MISSIONE D'AMORE

Sembrano esserci due punti di vista a riguardo dell’età avanzata nella società di oggi. Quella predominante sembra essere quella della repulsione. L’ età avanzata è considerata come una malattia incurabile. Da alcune domande che facciamo agli anziani emerge che la maggior parte di loro si sente inutile, un peso per la famiglia e spesso si sentono abbandonati se non per le rare occasioni o ricorrenze come i compleanni o le feste comandate…Ma grazie siano rese a Dio, esiste un altro punto di vista, un positivo “rovescio” della medaglia che è stupendo! L’età avanzata esige rispetto e dignità. Gli anziani sono saggi, pieni di esperienza, degni di stima e considerazione. Questa è la visione della Bibbia sull’età avanzata, questa è la visione che ci ha spinto ad iniziare il progetto “Missione d’Amore” il 1 Aprile del 2001.

La nostra Missione d'Amore nasce da un profondo desiderio di assistere spiritualmente gli anziani ospiti delle Case di Riposo di Milano ed hinterland, divulgando il Messaggio della Bibbia attraverso dei Canti di Bambini e degli Sketch con sfondo e morale di insegnamento cristiano. Tale Missione prende il nome dal più importante punto di forza trasmesso da Dio attraverso la Sua Parola: l'AMORE."L'Amore è paziente, è benevolo, l'Amore non invidia, non si vanta, non si gonfia... L'Amore sopporta ogni cosa, gioisce con la Verità... Or tre cose durano: Fede, Speranza e Amore, ma la più grande di esse è l'AMORE" (1 Cor.13:4,13).
Gesù ci trasmette il Suo desiderio d'adoperarci per il prossimo con AMORE, maggiormente se il nostro prossimo è bisognoso, perchè Lui va dove il bisogno è maggiore...

In Proverbi 23:22, Salomone, esorta la figura del figlio dicendo a tutti noi: “Dà retta a tuo padre che ti ha generato e non disprezzare tua madre quando sarà vecchia."
In Esodo 20:12 troviamo il comandamento - di onorare padre e madre per avere lunga vita sulla terra. In Marco 7: 10-12, troviamo Gesù dire: "Mosè infatti ha detto: "Onora tuo padre e tua madre"; e: "Chi maledice padre o madre sia condannato a morte". Voi, invece, se uno dice a suo padre o a sua madre: "Quello con cui potrei assisterti è Corbàn" (vale a dire, un'offerta a Dio), non gli lasciate più far niente per suo padre o sua madre, annullando così la parola di Dio con la tradizione che voi vi siete tramandata. Di cose simili ne fate molte».. In sostanza Gesù stava dicendo che questi uomini avevano resa nulla la legge di Dio con il loro trattamento vergognoso per gli anziani.

E che dire di Caleb, che all'età di 85 anni ha preso possesso di quell’ eredità si era guadagnato? L’ età esige un'eredità. La vecchiaia dovrebbe essere un momento di incoronamento. Gli anziani hanno lasciato il segno sulla vita perché si speso del tempo per l’educazione dei figli, cercando di rendere il mondo un posto migliore e nella formazione della prossima generazione. Gli anziani hanno una ricchezza di saggezza da condividere, esperienza per relazionarsi, espressioni e consigli sulla vita da condividere. Li attendono nuove esperienze e si stanno preparando per l'ultima esperienza di questa vita e se accettano Gesù come personale Salvatore li attende un nuovo meraviglioso Regno dopo la morte.

Grazie a questa Porta aperta da Dio, senza presunzione, ma con sincera efficacia, vogliamo ricordare ai “Nonni” che invecchiare non è una malattia o una piaga per l’umanità, ma un privilegio consentito da Dio. È l’opportunità di essere ancora utili per l’unione della famiglia e per la stabilità della Chiesa di Dio, il quale riserva due corone agli anziani in segno di doppia stima: una per l’epoca presente “I capelli bianchi sono una corona d'onore” (Proverbi 16:31) e una per l’eternità “Sii fedele fino alla morte, e io ti darò la corona della vita” (Apocalisse 2:10)

 
Cerca nel Sito
Torna ai contenuti | Torna al menu